Panificatori Assipan: Facciamo chiarezza

Attacchi strumentali da parte di Cna – Confartigianato – Claai e Casa Artigiani. Le associazioni di categoria – le stesse che oggi criticano il decreto regionale sulle nuove disposizioni relative all’attività di panificazione – furono nel 2010 cofirmatarie dell’allora disegno di legge. Creare confusione attorno alla rete dei panificatori è un attacco che Assipan Sicilia respinge con forza.

Negare il decreto assessoriale – pubblicato in Gazzetta lo scorso 10 ottobre – equivale a negare se stessi. In data 28/12/2010 Assipan Sicilia – Confcommercio Imprese per l’Italia, CNA Alimentari Sicilia, CLAAI, CASA Artigiani, Confartigianato, hanno sottoscritto in maniera congiunta per mezzo dei propri rappresentanti regionali il Progetto di Legge presentato alla Regione Sicilia.(In allegato consultabile il documento). Dunque chi è il vero nemico dei panificatori? Di certo non Assipan Sicilia, che in 10 anni di lotta sindacale ha fatto di tutto per portare alla luce la volontà della categoria. Creare false interpretazioni e sterili polemiche sulla pelle dei panettieri non solo risulta controproducente ma rischia soprattutto di ledere la dignità del settore. “I nostri lavoratori – dichiara il presidente Assipan Sicilia Salvatore Normanno – vanno difesi e tutelati. Non strumentalizzati. Il decreto è figlio della volontà dei panificatori. Ho lavorato giorno per giorno nell’interesse della categoria – continua Normanno – confrontandomi con tutti i protagonisti del settore in ogni città della Sicilia. Persino l’Ufficio Legislativo della Regione si è espresso favorevole alla pubblicazione del decreto. Non vi è assolutamente una condizione di svantaggio o di concorrenza sleale”.

LOTTA ALL’ABUSIVISMO
Oltre a gestire la chiusura e la turnazione domenicale (saranno i panificatori di ogni città a scegliere tra le due opzioni) l’attuale decreto serve a incrementare ulteriormente la lotta all’abusivismo. Rispetto a quanto fatto credere da Cna – Confartigianato – Claai e Casa Artigiani, l’articolo 4 determina non solo la sanzione amministrativa ma anche il sequestro della merce e dei mezzi per chiunque panifichi e/o venda pane in violazione della normativa comunitaria, nazionale e da oggi anche regionale. Nei centri commerciali, supermercati, e botteghe, valgono già normative di richiamo comunitario, legate alla vendita del pane surgelato, da esporre con cellofan ed etichetta di provenienza. Di contro il pane “fragrante e caldo” rimarrà prerogativa del fornaio aperto in giornata di turnazione. I danni al “consumatore” giungerebbero, viceversa, dalla mancata osservanza della legge. Assipan Sicilia – Confcommercio Imprese per l’Italia, chiederà presto un incontro con l’Assessore alle Attività Produttive Girolamo Turano, per perorare la causa del Comparto Siciliano.

CRITERI

CITTA’ CHE RINUNCIANO VOLONTARIAMENTE ALLA TURNAZIONE, RIMETTENDOSI PER INTERO ALLE DISPOSIZIONI DEL DECRETO: Niente vendita del pane nelle giornate domenicali e festive. In caso di due festività in giorni consecutivi, il divieto di panificazione non si applica al secondo giorno di festività; in caso di una festività nel giorno di sabato o lunedì, il divieto di panificazione non si applica alla domenica; in caso di tre o più giornate di festività consecutive, incluse le giornate domenicali, il divieto di panificazione non si applica alla prima ed ultima giornata festiva o domenica. Opportuno ricordare l’obbligo di chiusura sottinteso esclusivamente alla vendita del pane fresco. Chi produce all’interno dello stesso panificio generi alimentari differenti (pizze, dolci etc) non verrà condizionato dalla nuova normativa (è vietata solo la vendita del pane).


CITTA’ CHE SCELGONO IL REGIME DI TURNAZIONE: Possibilità di vendita del pane nelle giornate domenicali e festive in base alle esigenze e alle peculiari caratteristiche del territorio. Saranno i panettieri della stessa città a stilare il calendario con i turni di apertura domenicali e festivi. A garantire e veicolare la turnazione sarà il sindaco sentite le organizzazioni di categoria.

 

24 su 25 PANIFICATORI DI CANICATTI’ CONCORDI PER LA CHIUSURA DOMENICALE E FESTIVA

Si è svolta ieri sera, nella Sala consiliare del Comune di Canicattì, convocata dal Sindaco della Città Avv. Ettore Di Ventura, una riunione per sentire il parere dei panettieri e delle organizzazioni di categoria e dei consumatori, sull’applicazione di queste nuove norme.

Grande partecipazione e coesione dei panificatori di Canicattì per discutere con l’Amministrazione del nuovo decreto sulla panificazione in vigore dal 20 di novembre.

Un decreto che è stato scritto e condiviso dalla base, che ha visto in questa sede la scelta degli artigiani panificatori, con la unanimità di intendi,  nel non voler attuare la turnazione.

Soddisfazione da parte di ASSIPAN-CONFCOMMERCIO che ha posto l’accento sull’abusivismo, e su tanti altri fenomeni che devono essere repressi ed attenzionati, assicurando la fattiva collaborazione da parte dell’associazione nel segnalare e denunciare eventuali azioni in contrasto con il decreto.

Dall’incontro è emerso che, i diretti interessati hanno accolto in maniera entusiastica il nuovo decreto che permette ai panificatori, alle loro famiglie ed ai propri dipendenti di usufruire del giusto riposo. Un segnale di civiltà nei confronti di tutte le lavoratrici e tutti i lavoratori, sia autonomi che dipendenti, i quali potranno finalmente dedicare del tempo a se stessi ed alle loro famiglie nei giorni di festa. Una scelta coraggiosa, all’interno di uno scenario imprenditoriale altamente competitivo.

Con questo decreto – ha dichiarato Enzo Gaziano Vice Presidente Prov.le ASSIPAN CONFCOMMERCIO Agrigento – non si vogliono modificare le regole del mercato, ma è ugualmente rilevante tenere conto dell’importanza e della necessità di tutelare le nostre famiglie.”

Presenti all’incontro anche il Presidente Provinciale Confcommercio Francesco Picarella,  ed il Direttore di Confcommercio Agrigento Vincenzo Cipolla.

Assipan Confcommercio Agrigento, nuovo decreto sulle attività commerciali

Assipan Confcommercio Agrigento, in vigore il nuovo Decreto assessoriale della Regione Sicilia che stabilisce, tra le altre cose, le nuove regole per l’apertura di nuove attività. Saranno necessari diversi incontri con le amministrazioni comunali per chiarire il contenuto delle nuove regole. Oggi toccherà all’Amministrazione Comunale di Porto Empedocle e domani 30 novembre sarà la volta di Sciacca.
Queste le parole del Presidente Assipan, Giacomo Zimbardo:”Stiamo programmando importanti momenti di confronto con le amministrazioni comunali, per organizzare il territorio e le attività di panificazione in virtù del decreto assessoriale che regola tutto il settore. Siamo sicuri che con una buona concertazione tra le parti, si possa mettere in condizione le amministrazioni di adeguarsi alle nuove regole”
Anche il Presidente Confcommercio, Francesco Picarella, che sarà presente agli incontri programmati con le Amministrazioni Comunali, ha commentato: “Vogliamo fare chiarezza rispetto alla confusione che traspare in questo momento, su un decreto che è stato fortemente voluto dalle associazioni di settore e a cui si è lavorato lungamente. Ci dispiace che ancora oggi, qualcuno, possa strumentalizzare una norma che è stata accolta dall’assessorato attività produttive dopo che era stata sottoscritte da tutte le parti direttamente interessate”.

ASCOM AGRIGENTO, da sessant’anni al fianco delle aziende del terziario.

Era il 27 ottobre 1957 quando, una ventina di operatori, in pratica i maggiori esponenti del settore di allora, si riunivano per firmare l’atto costitutivo dell’Associazione tra commercianti ed esercenti della città e della provincia di Agrigento.

Erano gli anni del dopoguerra e l’Italia viveva un periodo di notevole difficoltà.

Oggi, a sessant’anni esatti dalla firma di quel documento, celebriamo una ricorrenza importante, con la  consapevolezza che è giusto ricordare un lungimirante percorso storico.

Da allora è cominciato un lungo cammino verso la conquista dapprima di una rappresentatività nel mondo economico, sociale, politico, poi consolidatasi in una crescita importante negli anni 90 fino all’attuale radicamento territoriale.

Oggi Ascom rappresenta circa 2000 imprese del terziario (commercio/turismo/servizi) ad Agrigento con una struttura di collaboratori che coadiuva il personale all’altezza dei compiti affidati.

In questi 60 anni si sono raggiunti importanti traguardi e molte battaglie sindacali sono state vinte, ma quel che più conta è che è rimasto immutato l’ideale dei nostri fondatori; su questo ideale abbiamo costruito la nostra forza oggi.

Da sempre ed in ogni luogo l’uomo si è unito, si è aggregato per portare avanti con orgoglio quegli ideali sociali, politici od economici in cui credeva. Insieme, però, mai da solo. Insieme ai suoi colleghi, a coloro che dividevano i suoi sogni, le sue ansie, la sua voglia di fare.

Vincente è la capacità di aggregazione, di condivisione, di agire uniti verso gli obiettivi identificati e la chiave del successo è racchiusa, oggi come ieri (nulla è cambiato in questo senso), nella capacità di fare squadra, di fare team.

A chi chiede che cosa rappresenti oggi l’Associazione, rispondo che l’Associazione è la risposta concreta ad un’esigenza spontanea dei singoli operatori ed è l’unico strumento per realizzare l’obiettivo di veder rappresentati i propri interessi economici nei confronti delle altre parti sociali del territorio.

Associarsi dovrebbe quindi essere per tutti una presa di coscienza dell’appartenenza ad un ceto economico ben definito, al quale si deve aver l’orgoglio di appartenere.

Il Presidente
Francesco Picarella

FIAVET SICILIA incontra gli agenti di viaggio agrigentini.

Il neo Presidente FIAVET SICILIA, l’agrigentino Giuseppe Ciminnisi, ha incontrato gli agenti di viaggio della provincia presso la sede di Confcommercio Agrigento.

Presente all’incontro oltre il Presidente Confcommercio Francesco Picarella, anche il Dott. Jacopo De Ria Presidente nazionale FIAVET e Confcommercio Firenze, che non è voluto mancare all’importante appuntamento per la riorganizzazione del sindacato che rappresenta le agenzie di viaggio e più in generale le imprese del turismo.
Un tour che ha toccato diverse realtà siciliane, raccogliendo input propositivi per una migliore e generale organizzazione delle attività da intraprendere.
Aspetti fiscali e tributari delle imprese, lotta all’abusivismo, strategie marketing sono alcuni dei temi affrontati dagli agenti di viaggio con il Dott. De Ria e Ciminnisi, vertici FIAVET, che hanno ribadito l’impegno massimo del Regionale e del Nazionale verso un maggiore riconoscimento del ruolo, nel tessuto imprenditoriale turistico del territorio.
L’incontro si è concluso con la nomina di Valeria Ciccotta, direttrice tecnica della Ibla Europe viaggi di Ravanusa, quale delegata FIAVET della provincia di Agrigento.

Favara: incontro in vista della Sagra dell`Agnello Pasquale edizione 2017

Si è svolto ieri presso il Castello Chiaramontano di Favara l’incontro tra i pasticceri della città in vista dell’imminente sagra dell’agnello pasquale. L’incontro, promosso dalla Confcommercio locale e dall’Amministrazione comunale, ha avuto come obiettivo principale quello di aggregare quante più possibili attività pasticcere operanti a Favara per dar loro la possibilità di essere parte attiva del progetto. Quest’anno il progetto della sagra nasce da un’idea più ampia che parte dal tradizionale agnello pasquale per arrivare all’esaltazione di tutta l’arte pasticcera che caratterizza il territorio favarese.

Già nelle riunioni precedenti, in cui era stata presente anche la Pro Loco locale, il Tavolo Tecnico e la Confcommercio di Favara hanno resa chiara l’intenzione che anima l’organizzazione della 21° Sagra dell’Agnello Pasquale: coinvolgere tutti gli attori interessati, in modo da renderli partecipi della grande festa che verrà organizzata.

L’Agnello Pasquale, prodotto d’eccellenza che ha reso famosa la città di Favara, sarà quest’anno il punto focale di una festa cui protagonista saranno la pasticceria e l’enogastronomia locale tutta.

Questo l’impegno di un giovane gruppo di Confcommercio: tenendo ben in considerazione la tradizione che ha fatto la nostra storia, dare vita ad un evento più ricco grazie alla collaborazione e alla condivisione di idee da parte di tutti gli interessati.

I nostri uffici rimangono a disposizione per qualsiasi informazione aggiuntiva riguardo le iniziative del Tavolo Tecnico del Comune di Favara e gli eventi che verranno organizzati.

Tantissime persone hanno iniziato a seguirci
e tante altre ci seguono da anni.
Tu cosa aspetti?

Orari
lun. mar. mer. giov. ven. 8:00 – 14:00
lun. mer. 14:30 -18:00

Confcommercio Agrigento

Ci occupiamo delle persone che fanno impresa nel terziario, ascoltiamo le loro esigenze e costruiamo con loro le soluzioni più utili.

Confcommercio Imprese per l’Italia di Agrigento | Via Imera 223/c, 92100 Agrigento

Tel. 0922.22791 – Fax 0922624031 – email: agrigento@confcommercio.it – www.confcommercioagrigento.com |